Dante in Pop

Terza ora. Occhi spenti, dispersi nel vuoto. Animo annientato da due ore di teoremi ed esercizi del tutto simili a quelli che ieri mi avevano reso simile a un vegetale[1]Prospettiva non particolarmente allettante: un’ora di ‘Paradiso’… e sapete, di quale Paradiso parlo. L’insegnante entra in classe, con il solito quarto d’ora accademico di ritardo; elegantissima – come al solito – … Continua a leggere